Questo sito usa cookie (sia cookie tecnici sia cookie analitici e di profilazione di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Continuando a navigare, chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo; per negare il consenso si rinvia all’informativa estesa. Scopri di più
Chiudi
Italiano | English

Fino a che età un pensionato può aderire ad un fondo pensione?


Riferimenti normativi

Orientamento Covip in materia di adesioni alle forme pensionistiche complementari da parte dei pensionati emanato in data 24 gennaio 2008 (clic​ca qui): è possibile aderire al fondo pensione fino ad un anno antecedente la maturazione del requisito anagrafico previsto dalla previdenza obbligatoria per il trattamento pensionistico di base.

Definizione

Il cliente potrà aderire al  fondo pensione, purché l'iscrizione avvenga un anno prima della maturazione dell'età prevista per il pensionamento di vecchiaia (occorre far riferimento ai requisiti previsti rispettivamente dall'ente previdenziale pubblico di appartenenza).

Per le casalinghe iscritte all'apposito fondo Inps, il requisito anagrafico per l'accesso alla prestazione previdenziale è oggi di 65 anni.

Per soggetti non titolari di reddito da lavoro o di impresa (es. studente, disoccupato, casalinga non iscritta al fondo Inps) si considera come riferimento anagrafico l'età pensionabile prevista per i dipendenti privati.

Quali vantaggi per l'aderente

  • L'investimento nel fondo può essere limitato nel tempo (minimo 5 anni)
    Maggiori possibilità di riscattare integralmente la prestazione in forma di capitale: infatti si prevede che nei casi in cui la rendita, ottenuta convertendo il 70% del capitale accumulato nel fondo, risulti inferiore al 50% dell'assegno sociale la stessa può essere erogata in capitale.
  • Deducibilità dei contributi versati al fondo (nei limiti di 5.164,57 euro all'anno) ad un'aliquota marginale Irpef maggiore di quella applicata sugli stessi contributi in fase di liquidazione della prestazione (e pari al massimo al 15%): in questo modo l'aderente ha la possibilità di ridurre le imposte pagate sulle somme destinate a previdenza complementare.
  • Possibilità di beneficiare di una migliore tassazione dei rendimenti rispetto alle tradizionali forme di risparmio finanziario con aliquota ridotta all'11% (per l’anno 2014 l'aliquota è elevata all'11,50%)

Per ulteriori approfondimenti leggi anche il documento Covip "Orientamenti in merito alla possibilità si permanere presso la forma pensionistica oltre la maturazione dei requisiti per la prestazione pensionistica complementare" clicca qui.