Questo sito usa cookie (sia cookie tecnici sia cookie analitici e di profilazione di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Continuando a navigare, chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo; per negare il consenso si rinvia all’informativa estesa. Scopri di più
Chiudi
Italiano | English

Dipendenti del settore privato


Il lavoratore può aderire ad Arti & Mestieri con il solo TFR, con contribuzioni proprie (direttamente disposte) o con entrambe le tipologie di versamento (effettuate per il tramite del datore di lavoro).

L'adesione ad una forma pensionistica realizzata tramite il solo conferimento esplicito o tacito del TFR non comporta l'obbligo del contributo a carico del datore di lavoro... Il datore di lavoro può tuttavia decidere, pur in assenza di accordi collettivi, anche aziendali, di contribuire alla forma pensionistica alla quale il lavoratore ha già aderito... - Art. 8, comma 10

Aspetti Fiscali

  • Contributo a carico del lavoratore – è deducibile dal reddito complessivo dell'aderente nei limiti del plafond di 5.164,57 euro (anche se il TFR è rimasto accantonato in azienda).
  • Contributo a carico del datore di lavoro – benefit "pieno" per il dipendente in quanto sul versamento non viene applicata alcuna tassazione. Concorre ad esaurire il plafond di deducibilità.​
  • TFR maturando – non concorre al  raggiungimento del plafond, ma beneficia di un migliore trattamento fiscale in sede di liquidazione (aliquota min 9% - max 15%) o di anticipazione (max 23%).
  • TFR maturato – il versamento segue gli ordinari meccanismi di liquidazione determinati dal codice civile (art. 2120 e ss) e si basa sull'utilizzo, da parte del lavoratore, dell'istituto dell'anticipazione di TFR. Le somme anticipate dal lavoratore, sono direttamente versate dal datore ad Arti & Mestieri in regime di neutralità di imposta: solo al momento della liquidazione le prestazioni sono tassate. Tuttavia, non a tutti i  versamenti di TFR pregresso operati a decorrere dal 1 gennaio 2007 verrà applicato il  nuovo e più favorevole regime fiscale delle prestazioni, in quanto le somme versate a titolo di "TFR pregresso" concorrono ad incrementare convenzionalmente la posizione individuale in corrispondenza dei periodi di formazione del TFR conferito (indipendentemente dalla data di iscrizione al Fondo Pensione).

Il dipendente può in qualsiasi momento revocare la scelta di tenere il TFR in azienda, comunicandolo al datore di lavoro, dopo aver sottoscritto il modulo di adesione ad Arti & Mestieri.

Il lavoratore già iscritto ad un fondo negoziale, può aderire contestualmente ad Arti & Mestieri o trasferire ad Arti & Mestieri, nel permanere del rapporto di lavoro con l'azienda presso cui è impiegato, il montante accumulato da almeno 2 anni nel fondo negoziale.

Se vuoi trasferire la tua posizione ad Arti & Mestieri, clicca qui.