Questo sito usa cookie (sia cookie tecnici sia cookie analitici e di profilazione di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Continuando a navigare, chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo; per negare il consenso si rinvia all’informativa estesa. Scopri di più
Chiudi
Italiano | English

Noto: in futuro ipotizziamo approccio prudente anche dalla BCE

27/10/2017


La decisione della BCE di abbassare ulteriormente gli acquisti mensili di titoli obbligazionari va nella direzione già intrapresa dalla Fed di ridurre lentamente ma progressivamente lo straordinario stimolo monetario. La presenza a volte ingombrante delle banche centrali ha portato ad una notevole riduzione della volatilità sui minimi storici di quasi tutte le asset class ed in particolare di quella obbligazionaria. Una normalizzazione dei tassi dovrebbe coincidere con una risalita della volatilità ed un ritorno su valori più coerenti con i fondamentali delle obbligazioni governative. Plausibilmente tale transizione non sarà disordinata perché avrebbe degli effetti secondari negativi sulla crescita attraverso condizioni finanziarie più restrittive. 

Abbiamo già imparato dalla Fed che dal primo annuncio di riduzione degli acquisti (maggio 2013) sono poi passati oltre 2 anni e mezzo per vedere un effettivo rialzo dei tassi (Dicembre 2015). È plausibile attendersi un approccio prudente anche dalla BCE, tale da non causare un movimento destabilizzante sul mercato obbligazionario. Tuttavia è necessario considerare che i portafogli obbligazionari dovranno essere modificati in modo da rendere lo scenario di normalizzazione una fonte di opportunità di investimento. Come? Attraverso una gestione flessibile dell'esposizione al rischio tasso e anche alle valute.

Luca Noto, Portfolio Manager Obbligazionario.