Questo sito usa cookie (sia cookie tecnici sia cookie analitici e di profilazione di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Continuando a navigare, chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo; per negare il consenso si rinvia all’informativa estesa. Scopri di più
Chiudi
Italiano | English

Luca Noto commenta il QE della Bce

22/01/2015

​​


Luca Noto, Portfolio manager obbligazionario di ANIMA, commenta il Quantitative Easing della Bce. 

“La decisione di oggi rappresenta un punto fermo sulla strada della ricostituzione della credibilità della BCE, messa in discussio​ne dalla recente mancanza di interventi a fronte di un deterioramento dello scenario di crescita e di inflazione. La scelta di acquistare €60 miliardi di asset ogni mese, per un totale di oltre 1000 miliardi di aumento entro settembre 2016, rappresenta un eloquente messaggio di credibilità da parte della Banca Centrale. 

Inoltre, questa decisione è condizionata a un ritorno dell’inflazione su valori più coerenti con il target della BCE, rendendo, de facto, questo programma potenzialmente illimitato. Le implicazioni sui mercati obbligazionari è univoca: la banca centrale afferma la volontà di mantenere molto accomodanti le condizioni finanziarie dell’area euro, ponendo le basi per una compressione degli spread e tassi stabili o decrescenti, una valuta stabile o più debole, con una volatilità ed incertezza decrescente. La misura dell’efficacia dell’intervento sarà visibile su due elementi: le aspettative di inflazione ed il tasso di cambio EURUSD”.